Riequilibrando.it

Spiritualità non religiosa: le differenze tra Spiritualità e Religione

Qual'è la spiritualità non religiosa? Quali sono le differenze tra Spiritualità e Religione?

28 Settembre 2019

Tempo di lettura: 6 min.

Categoria: Spiritualità

immagine di un misto di religioni e spiritualità differenti

Sempre più persone si dirigono verso una spiritualità non religiosa con il passare del tempo.

Questo è dovuto sia all'immagine ormai danneggiata della chiesa, ma anche per l'aumento di conoscenza del popolo medio.

Infatti se prima era possibile solo sentire a scuola quello che ti raccontavano a Religione, adesso di racconti se ne possono ascoltare molti di più online.

Inoltre non dimentichiamo le varie correnti spirituali che si possono conoscere sempre tramite lo stesso mezzo oppure attraverso gli scambi multietnici.

L'aumento della ricerca sull'argomento negli anni ha potuto dar luce a nuove correnti spirituali e far rivivere alcune culture spirituali che ormai si pensavano scomparse da tanto tempo.

Spiritualità e religione le differenze principali.

immagine di un monaco seduto che medita.

La spiritualità ha origini antiche tanto quanto la religione.

Se andassimo indietro nel tempo si puo notare come alcuni popoli rendevano culto in alcune regioni ma altre pensavano nel guardarsi dentro. Quindi la prima differenza importante è sicuramente questa: rendere culto a qualcosa o qualcuno / guardarsi dentro credendo comunque in qualche forma di divinità.

I faraoni furono i primi a cercare di sostituirsi agli Dei del tempo, pensando che loro avrebbero dovuto essere adorati come tali. In un certo senso, poteva essere una scelta per controllare il popolo e l'opinione pubblica. Anche se nel loro caso era probabilmente più una questione di Ego, perchè di fatto già detenevano tutto il potere possibile non essendoci una società come quella odierna.

Altra differenza, le correnti spirituali possono essere varie e le pratiche spirituali applicabili in mille modi diversi, mentre le religioni hanno regole più strette e ruotano attorno a quelle religioni di maggior affluenza o che sono sopravissute nel tempo.

Nella spiritualità si possono trovare più versioni "dark" (spiritismo e simili...) piuttosto che nelle religioni, ma non per questo le religioni sono pulite, anzi. Se vogliamo andare indietro nel tempo infatti le religioni vincono il record di persone morte per la conquista del potere che detengono attualmente. I morti in nome delle religioni sono incalcolabili, non si può dire lo stesso per la spiritualità che tende a essere pacifica nella maggior parte dei casi.

La spiritualità così come originata, nella crescita del sè, nei buoni principi e con la relazione diretta con le proprie deità sembra essere una delle vie più praticate oggi. Nonostante ci siano moltissime diramazioni. Il punto focale è se stessi, poi ce ne sono anche di origini Cristiane come abbiamo notato in uno dei nostri viaggi, che credono a Cristo e nel lavoro interiore tramite la bibbia e non contemplano la chiesa ne i suoi simboli. Nelle culture più sviluppate in spiritualità troviamo di sicuro indiani, tibetani, indios, nativi e orientali in generale.

Anche le religioni classiche funzionano per quanto riguarda la crescita del sè ma essendo accompagnate da Dogmi e paure particolarmente stressanti si vivono ambienti meno gioiosi e più cupi, disciplinati e a volte estremisti.

Religione, Spiritualità e senso della vita.

immagine di un santone che prega

Le principali differenze le abbiamo elencate prima anche se si potrebbe approfondire di molto l'argomento con ricerca propria. Non perchè non vogliamo dare una soluzione ma perchè essendo argomenti molto profondi e forti forse è meglio proprio iniziare questa ricerca per farsi un'idea personale, nel nostro cammino crediamo fermamente che in realtà tutti abbiano delle interessantissime parti di verità (ma questa è la nostra conclusione, ti invitiamo a trarre la tua, è un cammino appassionante).

Nella spiritualità possiamo man mano concentrarci su fattori che non vengono considerati dalla chiesa. Le correnti spirituali si presentano più inclusive e non esclusive, sempre e quando non si trasformano in gruppi simili a sette e quando l'essere spirituale non diventi una scusa per credere ad ogni cosa misitca, c'è il rischio da questo punto di vista non seguendo una direzione definita.

Nella maggior parte delle correnti Cristiane purtroppo nascono dei partiti chiusi che sono pronti anche ad allontanare la famiglia per estrema religiosità, non sono state poche le storie raccontate sui testimoni di Geova o su islamici per esempio.

L'islam fa guerre religiose, si fanno saltare in aria per religione (una distorsione della stessa come dicono molti rabbini e credenti) ma pur sempre per religione, nonostante questi siano l'esempio peggiore.

Tuttavia tutti i popoli religiosi conservano secondo noi grandi libri come la Bibbia, il Corano ecc... che se letti nella chiave "giusta" possono veramente aprire la mente di qualsiasi persona spirituale. Inoltre c'è da dire che molte anime seppur Religiose sono davvero delle brave anime, fedeli agli insegnamenti del loro credo e piacevoli a prescindere (anche se a volte vengono "demonizzati" ingiustamente per scelte da connotazione politica).

Si può raggiungere una migliore versione di sè con la spiritualità? SI! E con la religione? Si!.

Infatti anche se con differenze di "focus" che possono essere più o meno importanti, tutte sono meritevoli di essere vissute, osservate, studiate ma soprattutto applicate (quando se ne sceglie una è più facile ovviamente, perchè se no ci vorrebbero milioni di vite. Tuttavia ci sono mole opportunità di studio e andrebbero colte anche solo per cultura generale).

Abbiamo riassunto questo concetto nell'articolo diversi cammini spirituali con risultati simili.

Cosa uno spirituale non accetta di una Religione.

  • Un tramite, qualcuno che comandi tra l'uomo e Dio (per chi preferisce: universo, energia, grande spirito, architetto ecc..).
  • Il modo di raggiungere il potere. (I cristiani ad esempio: crociati & Co. Oltre ad incolpare di essere il demonio i propri nemici per approvazione pubblica e poterli linciare, ecc...).
  • Il fatto che non si parli di religione neanche nei loro libri, (Gesù non ha mai nominato religione alcuna per esempio) quindi evidenziano un certo grado di "intrufolamento" nella società per detenere il potere.
  • La non coerenza tra sani principi e la dimostrazione nel corso della storia (e attualmente) con episodi contronatura.

Cosa non accetta un Religioso di uno spirituale.

  • Non ha lo stesso Dio al centro dell'attenzione.
  • Ritiene che gli altri non siano detentori di verità alcuna.
  • Non riconosce le evidenze scientifiche che possono dimostrare cose discordanti.
  • Non contemplano l'unione di tutti gli esseri in senso spirituale sotto diversi dei.

Elenco esatto delle differenze

Spirituale

  • Autonomo
  • Si concentra sulla crescita personale, dei suoi principi di vita e sulle pratiche spirituali
  • Opera secondo svariate leggi che riconosce nel suo cammino
  • Contempla la natura come amica
  • Non soggetto a dominare sugli altri
  • Tendenza a credere in reincarnazione
  • Più tendenti ad alimentazione vegetale

Religioso

  • Legato ai dogmi
  • Si concetra su quello che dice la sua religione e sulla crescita del rapporto con la sua divinità
  • Opera secondo i suoi comandamenti
  • Contempla la natura come dono su cui dominare
  • Soggetto a non dominare sugli altri ma esclude il diverso
  • Tendenza a credere in paradiso e inferno
  • Più tendenti ad alimentazione onnivora

Se acquisterai libri online da questo link ci permetterai di sostenere questo blog.

Seguici su Facebook

Ritorna alle Categorie